Novità Regolamento

new ribbonAl termine dell'incontro con gli allenatori di A1 maschile e femminile, svoltosi il 4 Ottobre a Roma Sala Rossa dopo la presentazione dei Campionati, vi inviamo la versione finale del documento sulle nuove regole. 
 
Vi chiedo una lettura attenta del documento (che trovate cliccando qui in allegato), infatti ci sono delle precisazioni che di seguito proviamo a riassumere:
- nel caso di palla sotto e in ogni situazione di cambio palla il tempo di possesso si resetta sempre a 30";
- il tiro diretto dal corner è possibile ad eccezione di tutti i casi nei quali la palla viene presa dall'arbitro,
  ad es. per la sostituzione della calottina, incidente, sangue, ammonizioni, ogni altra interruzione;
- abbiamo aggiunto alcuni esempi di tiri di rigore (si o no).

Particolare enfasi nella riunione è stata data alle situazioni senza palla. E' stato confermato che sia per il controfallo sia per l'espulsione dobbiamo intervenire sempre nelle situazioni di azione aggressiva o persistente. Quindi se da un lato il controfallo ha con le nuove regole il peso di un fallo grave, dall'altro non va tollerata l'aggressione e la persistenza.
 
Altro punto trattato è stato quello dell'impeding: tutti d'accordo nel confermare che faremo ciò che si è visto ai Mondiali, ossia difendere il gioco di movimento intervenendo senza esitazioni e senza tentennamenti. L’espulsione senza palla, nell’applicazione di questa regola, è importante se si vuole un gioco pulito, non violento e più veloce. L’arbitro DEVE proteggere il movimento degli attaccanti, specie sul perimetro. Allo stesso tempo gli arbitri devono valutare DOVE e QUANDO fischiare un’espulsione senza palla per non ridurre o incrementare una situazione di vantaggio. E' subito espulsione se si vedono blocchi, mano nei costumi, affondamento che impediscono un movimento o azione dell'attaccante. Ovviamente massima attenzione alla simulazione che rischia di essere altrimenti premiata.
 
Sul rigore vedrete alcune slides di esempio. In ogni caso abbiamo riaffermato che il rigore va concesso solo se l'attaccante è nei 6 metri e vi sia una chiara situazione da gol. Questo significa faccia e corpo rivolti verso la porta e nessun giocatore tra l'attaccante e il portiere.
 
Se il giocatore (nei 6 metri con la volontà di tirare in porta in posizione fronte porta) non ha la palla in mano siamo nell'ambito delle "vecchie regole", mentre se ha la palla in mano è rigore solo se attaccato da dietro e non c'è nessun difensore tra lui e il portiere (se un difensore è laterale al portiere e copre qualche grado di porta è comunque rigore). In questo caso se l'attacco del difensore all'attaccante con palla in mano non di spalle ma laterale non va fischiato nulla, ricadendo nelle vecchie regole. Importante è valutare comunque la volontà di giocare, di tirare, altrimenti non può essere rigore.
 
Se il giocatore che tira in porta dentro i 6 metri, solo senza difensori tra lui e il portiere, è disturbato nel tiro e la palla non va in gol deve essere fischiato rigore (esempio ultima azione dell'Australia vs Ungheria ai mondiali maschili in Corea). Anche in questo caso attenzione alla simulazione: alcuni giocatori cambiano il loro comportamento davanti alla porta e quando sono in posizione di possibile tiro. In alcuni casi, i giocatori smettono di nuotare/giocare senza manifestare l’intenzione di concludere l’azione anche avendone la possibilità. Il tiro di rigore non può mai essere considerato un regalo.
 
Siamo a disposizione per ogni chiarimento.
 
In bocca al lupo!
Il Centro Tecnico

Riunione Tecnica settore Pallanuoto

Martedì 18 Giugno presso la sede del Comitato Regionale in Ancona, grazie all’intervento di Mario Bianchi, ex arbitro internazionale ed attualmente uno dei responsabili tecnici del GUG Pallanuoto, sono state presentate le nuove regole della pallanuoto a partire dalla stagione agonistica 2019-2020.

La riunione per la prima volta oltre agli arbitri è stata aperta anche ai giudici di segreteria e ai tecnici e dirigenti delle società marchigiane, questo perché, le nuove regole oltre a cambiare una parte del modo di arbitrare, va ad intaccare inevitabilmente anche il modo di giocare delle squadre, quindi era fondamentale che le società, avessero un’ampia panoramica sulle variazioni del regolamento a partire dalla prossima stagione.
 
La riunione è stata interessante ed ha suscitato un grande interesse dimostrato anche dal dibattito finale tra i presenti e il relatore, con la volontà da parte di tutti di replicarla un secondo incontro prima dell’inizio della prossima stagione, in modo da poter dare un focus definitivo alle nuove regole.
 
rpn

Aggiornamento Segreteria Tavoli Pallanuoto

Mercoledì 23 Gennaio nella sede Regionale FIN in Ancona, si è svolta la riunione di aggiornamento della Segreteria di pallanuoto, il docente Fabio Ialeggio ha illustrato i principali temi che coinvolgono direttamente il tavolo, come il time out e il 30’’, in particolar modo ha sottolineato come deve esser presente e dinamica l’interazione tra la stessa Segreteria designata e l’Arbitro/i sul piano vasca.

Il nostro auguri di un buon lavoro va ai presenti e allo svolgimento del campionato.

 DSC0030

Nuovo Docente

Con piacere vi comunichiamo l'ufficializzazione da parte della Segreteria Centrale di Fabio Ialeggio come nuovo Docente Regionale di pallanuoto, che nel accettare questo incarico ha esordito dicendo:
 
 "Ringrazio Barbara e tutti voi per la fiducia concessami, ovviamente non si può promettere mari e monti ma sicuramente quello che posso assicurare sarà dedizione e professionalità e soprattutto passione che è la cosa che mi ha sempre spinto ad andare avanti in questo sport ed oggi anche se in tutt’altra veste rispetto a qualche anno fa mi da sicuramente l’energia per raggiungere quei traguardi che ci siamo prefissati" .
 
Così ha precisato il suo compito e noi possiamo solo che auguragli un buon lavoro e un fiducioso sostegno.
 
WhatsApp Image 2018 03 28 at 19.18.23

Sport in lutto, è morto Riccardo Cesini

Il GUG Marche si stringe nel ricordo di questo grande atleta. Campione di vela e storico capitano della squadra di pallanuoto della Vela, ci lascia all’ età di 36 anni.
 
Pallanuotista di ottimo livello sin da ragazzo, una decina di anni fa aveva conquistato la promozione in serie A2 maschile con la Vela Ancona, la sua società da sempre, e due stagioni fa, nel ruolo di capitano, aveva contribuito al ritorno della squadra in A2, appendendo quindi la calottina al chiodo. Per dedicarsi totalmente alla vela, l’altro sport che amava profondamente e in cui era molto bravo.
 
Cesini vela 650x366

Pagina gestita da Marco Ercoli e Francesco Pompei

Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive

Gruppo Ufficiali Gara Regione Marche

Stadio del Conero
Via Cameranense, 
60131 Ancona
tel: 0712900122 fax: 0712901145
 
 
  
 
 
 Link Utili

FEDERNUOTO | GUGNUOTO | FIN MARCHE 

 

L'arbitro è un po' magistrato e un po' sacerdote.

(Gianni Brera)